Mondiale Giovanile under 15 pesca al colpo 2017 PESCA AL COLPO

Mondiale Giovanile Under 15 – Pokerissimo per la Francia


MONDIALE GIOVANILE UNDER 15 – ANCORA FRANCIA

Il Mondiale Giovanile under 15 di pesca al colpo ha una vera e propria dominatrice. Si tratta della Francia, che per la quinta volta consecutiva conquista il titolo mondiale tra i più giovani. Si tratta di un record vero e proprio. Cinque titoli negli ultimi cinque anni sono qualcosa di unico, mai realizzato in passato sia in questa categoria, che nelle altre.




I piccoli agonisti francesi dal 2013 non sbagliano un colpo. E’ il successo di una federazione, quella francese, che ha lavorato e sta lavorando molto bene con i più piccoli. Aggiungiamoci poi che in Irlanda la pescata è stata molto favorevole all’ideologie di pesca francesi. Gardon, roubaisienne, fouilles e ver de vase. Insomma, la vera e propria pescata alla francese. Ed i risultati anche nelle altre categorie parlano da soli.

Dopo le prime tre ore del sabato i francesini under 15 hanno distrutto ogni aspettativa di vittoria delle avversarie. Sette penalità complessive ed otto di vantaggio sulla prima inseguitrice, l’Inghilterra. Avevano solo da amministrare nella seconda prova, cosa non difficile in un settore da dieci concorrenti. Dodici punti, ancora miglior risultato di giornta e 19 punti complessivi.

Alle spalle dei Blue è bagarre vera e propria con tre squadre racchiuse in sole due punti. L’argento ed il bronzo sono dettati alla fine dal miglior peso ed i migliori risultati. E’ la Polonia a prendersi il secondo gradino del podio, lasciando all’Inghilterra il bronzo. Purtroppo non è servita la grande rimonta dell’Italia. Quindici punti non sono sufficienti per recuperare lo svantaggio dalle due squadre che ci precedono. E’ la formazione azzurra di Michele Natali infatti ad arrivare a soli due punti dal podio. Peccato, davvero un peccato. Ma comunque ottima prestazione per i nostri giovanissimi che dopo due anni al secondo posto abdicano dal podio. Ma il prossimo anno il mondiale sarà in Italia, al Cavo Lama. Si interromperà l’egemonia francese?